.:
Aeroporto, Attualità, Blog, Cultura, Gossip, Taglia e cuci

SE LA MULTA VUOI EVITARE A VIA DI FIORANELLO NON PARCHEGGIARE

Sono decine di centinaia i viaggiatori che ogni giorno transitano all’aeroporto “G.B.Pastine” di Ciampino. Molti di loro vi giungono con la propria auto ed è proprio questa l’origine dell’annoso dilemma di dove lasciare la propria vettura. Ma andiamo per ordine. L’aeroporto, per la sua vicinanza alla Capitale e per il fatto di essere il maggiore snodo delle compagnie low-cost, rappresenta la base ideale per raggiungere le bellezze della città eterna ma anche le maggiori destinazioni nazionali ed europee. In tanti arrivano da zone e regioni limitrofe per intraprendere l’agognato viaggio. Senza considerare ovviamente quanti utilizzano il mezzo aereo per spostamenti lavorativi. Ma è sulla prima categoria di viaggiatori che intendiamo soffermarci ossia, su quanti, non conoscendo la zona, si avventurano alla ricerca di un’area sicura dove parcheggiare l’auto. Ed è proprio nella ricerca di questa soluzione, spesso ambita a costo zero, che è facile incappare nell’errore, tanto grosso quanto oneroso, di lasciare la propria automobile su Via di Fioranello, proprio di fronte l’entrata del secondo scalo romano. La zona interessata espressamente dal divieto è l’area non asfaltata che si trova proprio all’incrocio tra via dell’Aeroscalo (questo il nome del primo tratto della strada più genericamente definita in toto Via di Fioranello, che congiunge l’Appia a Via Ardeatina) e via Appia Antica, dove comincia la lunga passeggiata nel parco dell’omonima zona archeologica. Qui infatti le multe fioccano, ci sarebbe da dire per i malcapitati viaggiatori, che in realtà tanto malcapitati non sono visto che un cartello che indica il divieto di parcheggio c’è. Un po’ piccolo a dir la verità. Ma c’è. In questa aera le sanzioni vengono emesse ad opera dell’Ente Parco dell’Appia Antica  per divieto di transito e di sosta fuoristrada ai sensi della Legge Regionale 29/87.

L’Ente Parco non ha alcuna competenza sul codice della strada pertanto il suo raggio di azione è definito entro quest’area. A presiedere quella zona ci sono Giuliana, un’anziana sull’ottantina che lì esercita la sua attività da decenni e Daniela, un trans. Sono proprio loro a raccontare dei numerosi interventi che i Guardiaparco effettuano tutti i sabato e domenica, più raramente in mezzo la settimana. E le sanzioni a carico di uno stesso autoveicolo parcheggiato per più giorni possono essere anche più di una. Nel piazzale non asfaltato, alle 13.30 di un giorno infrasettimanale, di macchine ce ne sono  4; tre multate e l’unica salva, ci spiega Daniela, è di un cliente appartatosi poco prima dietro le dune di terra poco distanti. Le reazioni dei viaggiatori, al momento del recupero dell’auto, sono abbastanza concitate. Ma le due “guardiane” ci avvertono.. inutile fare ricorso poiché i Guardiaparco fanno le multe muniti di macchina fotografica per la prova inconfutabile in caso di reclami. Sul sito del Parco dell’Appia Antica c’è una pagina che invita gli utenti che vogliono visitare l’area a non parcheggiare in quella zona. Tra le “vittime” delle multe infatti non ci sono ovviamente solo i viaggiatori ma anche coloro che, per regalarsi una giornata all’aria aperta, tornano a casa con l’amaro in bocca. Lunghissima appare invece la fila di macchine parcheggiate nella zona non asfaltata che costeggia, da ambo i lati, via dell’Aeroscalo. Le auto non presentano multe e una segnaletica che indichi il divieto di sosta non c’è. In questa zona la competenza ad affettuare controlli è del Municipio XI ( che copre la zona di: Ostiense, Ardeatino, Appio latino e Appio Pignatelli, zone Ciampino aeroporto, Cecchignola e Torricola.) ma i blitz qui da parte della Polizia Municipale sembrano essere molto rari. Nonostante la mancanza di una segnaletica però i Vigili Urbani sconsigliano di lasciare l’auto posteggiata lungo la strada, soprattutto in caso di assenza prolungata. Il pericolo è quello di trovare il proprio mezzo rimosso. Via di Fioranello appare quindi una strada un po’ particolare, dove la situazione non è delle più chiare e l’invito è dunque quello di non parcheggiare. Ai viaggiatori che intendono affrontare un viaggio tranquillo non rimane che pagare per la sosta. Oltre i posteggi interni all’aeroporto, quelli dell’ADR per intenderci, ci sono quelli esterni; “Alta Quota”,  che offre un servizio di navetta gratuito, oppure ci si può rivolgere al parcheggio nuovo di zecca “Parkingo”, creato su Via Appia direzione Cava dei Selci, a poche centinaia di metri dallo scalo aereo. Anche qui è presente il servizio navetta. Le opzioni quindi per chi vuol partire sereno non mancano. Prenotando on line si può anche usufruire di tariffe vantaggiose. Visto poi che le multe emesse dai Guardiaparco sono superiori alle 90,00 euro, forse conviene investire meno e meglio su un posteggio sicuro. Viaggiatore avvisato.. mezzo salvato.

 

                                                                                               

                                                                                       

                                                                                      

                                                                                        

                                                      

 

Annunci

Discussione

Un pensiero su “SE LA MULTA VUOI EVITARE A VIA DI FIORANELLO NON PARCHEGGIARE

  1. Già, gita archeologica un po’ cara; correggo il costo per la multa : 86,00 euro se paghi entro i primi 7 gg.
    Domanda: ma a cosa serve conoscere la segnaletica stradale se poi l’ente parco usa cartelli non conformi ? Io i divieti d’accesso ( magari con le eccezioni per i vip residenti ) li so riconoscere, ma lì forse qualcuno non li vuole mettere. Fa sempre comodo spennare ogni tanto qualche pollo che distrattamente non legge un cartello scambiandolo per una indicazione turistica. Intendiamoci, io pago i miei errori e non batto una ciglia, però non mi facciano credere che questi non siano espedienti di bassa lega per fare cassa . Peccato perché invece di valorizzare un’area pubblica fornendo punti di stallo idonei per gli avventori (quelli buoni,dico, non puttane e spacciatori) preferiscono allontanarli
    lucrando sulla distrazione e la buona fede. Grazie Roma !

    Pubblicato da menotti | 5 agosto 2013, 3:32 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: