.:
Attualità, Blog, Cultura, Pettegolezzi, Politica

I genitori di Edoardo “Ci sentiamo abbandonati”

1901«Se ne sono dette tante su mio figlio, cose che non corrispondono assolutamente a realtà. Mio figlio non conosceva gentaccia e noi non avevamo idea che la pizzeria in cui era andato a sostituire il suo migliore amico fosse un ambiente poco raccomandabile». Così la mamma di Edoardo, la signora Marina racconta dalla sua abitazione di via Casal Morena. «Perché non si parla di recupero di genitori delle vittime? Di quello che succede alle famiglie colpite da queste disgrazie non se ne parla. In tv gli opinionisti parlano dei delinquenti, di come recuperarli, non si parla mai però del recupero di noi genitori. Io per andare avanti mi sono rivolta ad un supporto psicologico, perché altrimenti mi sento persa. Io devo rimanere lucida e combattere affinché i colpevoli della morte di Edoardo paghino per quello che hanno fatto».
«All’inizio c’erano parenti, giornalisti, tutti qui. Non potevano uscire di casa senza essere assaliti – continua Antonio, il papà del ragazzo ucciso – Oggi invece l’abbandono totale. Una parola di conforto avrebbe fatto bene, al di là del momento iniziale».
Anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno, a pochi giorni dall’accaduto, si è recato in forma privata a fare visita alla famiglia Sforna, garantendo un aumento nei controlli per la sicurezza del territorio e promettendo che, in caso si arrivi ad un processo, il comune di Roma si costituirà parte civile.
«Come è possibile che dopo tutti questi mesi nessuno parli»? Si chiede Marina, sottolineando la grande reticenza che avvolge questo omicidio, forse per paura; gli stessi carabinieri della Tenenza di Frascati, che seguono il caso, trovano grossa difficoltà nel condurre questa indagine e l’unica cosa appurata fino ad ora è la completa estraneità di Edoardo ad ambienti poco chiari e a frequentazioni pericolose. Quali motivazioni hanno mosso quel 23 agosto 2011 due persone a commettere quella terribile azione presso la Pizzeria Jolly? «Noi non vogliamo niente da nessuno, dichiara con dignità il papà di Edoardo, ma non dobbiamo dimenticare e dobbiamo arrivare a scoprire la verità».

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: